Un blog: perchè?

L’interrogativo è d’obbligo, per chi oggi vuole iniziare quest’esperienza, con l’unica prerogativa di voler raccontare, raccontandosi, tutto quello che è il proprio lavoro nella scuola.
Madoto blog è, e vuole essere, un tentativo di documentare a docenti, alunni e famiglie che si può insegnare e soprattutto condividere online le proprie esperienze didattiche, superando il chiuso delle proprie aule, attraverso l’uso di strumenti come questo blog che possono contribuire a mettere in evidenza non solo il lavoro del docente, ma l’interazione “possibile” nella scuola che cambia tra alunni e famiglie.
Nessuna pretesa, quindi, solo l’occasione per dire a tutti buon lavoro e buon anno scolastico.

Nove anni fa scrivevo così, non sapendo da quel momento ad oggi come sarebbero andate le cose.

Cercavo un modo di fare scuola diverso, innovativo e pensavo che, nell’era “social” che cominciava ad avanzare, un blog didattico mirato alla disciplina che insegnavo (Geografia A021), poteva garantire a me ed agli alunni delle opportunità diverse, non facilmente sperimentabili con una didattica tradizionale.

Ora che sono trascorsi nove anni ed una manciata di mesi da quel 2 agosto 2010,  ora che non sono più a girare tra i banchi, mi rendo conto della fatica sperimentata e vissuta nel cercare di fare capire cosa in effetti voleva e poteva significare “Madotoblog”.

Nel frattempo ho conosciuto eTwinning e mi son detto, che forse valeva la pena, di investire in questa nuova esperienza ed in effetti così ho fatto utilizzando il blog per dire al mondo cosa facevamo in classe e come quello che si studiava in maniera “diversa” risultava, da una parte più entusiasmante e dall’altra apriva la mente a nuove prospettive di apprendimento. In effetti così è stato.

Ora si apre una nuova fase, che spero ed auspico, possa rivelarsi alla stessa maniera, foriera di nuove scoperte che possano continuare ad arricchire il mio essere Ambasciatore eTwinning per la Calabria, regione dove ho svolto in questi anni il mio lavoro di docente e di formatore.

Mimmo Marino

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi