08.06.2016: ultimo giorno di lezione

E’ passato questo lungo anno scolastico ed è passato in un silenzio assordante fatto di tante parole quando vuote quando piene, ma parole.

Eppure dal primo giorno, entrando in classe, ho sempre detto che questo era uno strumento per dire al mondo tutto quello che avremmo fatto studiando questa materia: la Geografia.

Sicuramente non è la Geografia che non interessa al mondo, quanto il fatto di dire al mondo che studiandola si può arrivare a capire tante cose del mondo. Eppure questo non interessa a nessuno, tanto … alla fine quel che conta è solo il risultato: ammesso alla classe successiva, sospensione del giudizio o peggio ancora non ammesso.

Ogni anno che è passato è stato sempre un andare a ritroso anche se il tempo è continuato a scorrere in avanti. Sembra uno dei tanti controsensi della vita ed invece ti accorgi solo alla fine che è così.

Dopo aver dato il meglio di te stesso arrivi al punto di dire a te stesso: ma in cosa ho sbagliato? E lì i dubbi cominciano ad altalenare e quelle che sembravano certezze a svanire e con esse i sogni di una scuola in ogni caso diversa non migliore.

Mi rendo conto allora che non rimane altro che attendere la prossima campana e per il momento godermi il meritato riposo.

Buone vacanze, ragazzi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi